Parrocchia di SS. Salvatore e S. Maria

Parrocchia

SS. Salvatore e S. Maria

Parola di Vita in PPS

Parola di Vita

Ogni mese in formato PPS

Centro Polivalente San Calogero

Centro San Calogero

Museo Siciliano delle Tradizioni Religiose

Parola di vita

(Cuvântul Vietii - Fra ord til live - Fjala për ta jetuar - Fra Ord til liv - Slowo Zycia - Palabra de Vida - Pawòl Lavi a - Woord van Leven - Az élet igéje - Palavra de Vida - Parole de Vie - Word of Life - Kalaam Hayat - Sabda Kehidupan - Wort des Lebens - Kataga ng Buhay - Az élet igéje - Kelma tal-Hajja - Livets Ord - LÔØI SOÁNG - Beseda Življenja)

02 - Parola di Vita - Gennaio 2016 - Word of Life - Parole de Vie - Wort des Leben

Parola di Vita - Febbraio 2016
  • Italiano     PPS - Parola di Vita - Febbraio  2016
  • Parola di Vita Gen4 - Febbraio 2016
  • TELEPACE Audio della PAROLA DI VITA
  • Il video della Parola di Vita -  Febbraio 2016 - letto da Redi Maghenzani

  • Arabo PPS -
  • Albanese  PPS - Fjala për ta jetuar -
  • Bielarusso - 
  • Bulgaria    PPS -  
  • Ceco - Czech republic PPS
  • Cinese PPS -
  • Coreano PPS -  
  • Croato - Hrvatski - PPS - Rijec za život - 
  • Danese - DK    PPS - Livets Ord -
  • Filippino PPS - Kataga ng Buhay -
  • Francese   PPS - Parole de Vie -
  • Giapponese PPS -
  • Haitiano PPS - Pawòl Lavi
  • Bahasa - Indonesia   PPS - Sabda Kehidupan -
  • Inglese   PPS - Word des Lebens -
  • Maltese    PPS - Kelma tal-Hajja -
  • Norvegese   PPS - Fra Ord til liv -
  • Olandese - PPS -Woord van Leven - F
  • Pakistan - Urdu    PPS - Kalam-e-Hayat -
  • Polacco - Polski - PPS - Slowo Zycia - 
  • Portoghese PPS - Palavra de vida -
  • Rumeno - Româna  
  • Russo - 
  • Sloveno - Slovenija   PPS - Beseda Življenja -
  • Spagnolo - Español    PPS - Palabra de vida-
  • Spagnolo - Latino-Americano PPS - Palabra de vida -
  • Tailandese   PPS -
  • Tanzania - PPS - Neno la uzima -
  • Tedesco PPS - Wort des Lebens -
  • Ungherese   PPS - Az élet igéje -
  • Vietnamita PPS - LÔØI SOÁNG - 

"Come una madre consola un figlio, così io vi consolerò" (Is 66, 13)

 Chi non havisto un bambino piangere e gettarsi nelle braccia della mamma? Qualunque cosasia successa, piccola o grande, la mamma asciuga le sue lacrime, lo copre ditenerezze e poco dopo il bambino torna a sorridere. Gli basta sentire la suapresenza e affetto. Così fa Dio con noi, paragonandosi a una madre.

Con questeparole Dio si rivolge al suo popolo rientrato dall'esilio di Babilonia. Dopoaver visto demolire le proprie case e il Tempio, dopo essere stato deportato interra straniera dove ha assaporato delusione e sconforto, il popolo torna nellapropria patria e deve ricominciare dalle rovine lasciate dalla distruzionesubita.

La tragediavissuta da Israele è la stessa che si ripete per tanti popoli in guerra,vittime di atti terroristici o di sfruttamento disumano. Case e stradesventrate, luoghi simbolo della loro identità rasi al suolo, depredazione deibeni, luoghi di culto distrutti. Quante persone rapite, milioni sono costrettia fuggire, migliaia trovano la morte nei deserti o sulla via del mare. Sembraun'apocalisse.

Questa Paroladi vita è un invito a credere nell'azione amorosa di Dio anche là dove non siavverte la sua presenza. E' un annuncio di speranza. Egli è accanto a chisubisce persecuzione, ingiustizie, esilio. È con noi, con la nostra famiglia,con il nostro popolo. Egli conosce il nostro personale dolore e quellodell'umanità intera. Si è fatto uno di noi, fino a morire sulla croce. Per questo sa capirci e consolarci.Proprio come una mamma che prende il bambino sulle ginocchia e lo consola.

Bisognaaprire gli occhi e il cuore per "vederlo". Nella misura in cui sperimentiamo latenerezza del Suo amore, riusciremo a trasmetterla a quanti vivono nel dolore enella prova, diventeremo strumenti di consolazione. Lo suggerisce anche aicorinti l'apostolo Paolo: «consolare quelli che si trovano in qualsiasi generedi afflizione con la consolazione con cui siamo consolati noi stessi da Dio» (2 Cor 1, 4).

È ancheesperienza intima, concreta di Chiara Lubich: «Signore, dammi tutti i soli...Ho sentito nel mio cuore la passione che invade il tuo per tutto l'abbandono incui nuota il mondo intero. Amo ogni essere ammalato e solo. Chi consola il loropianto? Chi compiange la loro morte lenta? E chi stringe al proprio cuore ilcuore disperato? Dammi, mio Dio, d'essere nel mondo il sacramento tangibile deltuo amore: d'essere le braccia tue, che stringono a sé e consumano in amoretutta la solitudine del mondo»[1].

                           A cura di Fabio Ciardi

 Vivremo questa parola - scelta da un gruppo ecumenico in Germania -assieme a tanti fratelli e sorelle di varie Chiese, per lasciarci accompagnarelungo tutto l'anno da questa promessa di Dio.


[1]Da: Chiara Lubich, Meditazioni, CittàNuova, Roma 200826, p.20.

Archivio

I Power Point pubblicati su questo sito possono essere divulgati e pubblicati su altri siti senza apportare alcuna modifica al testo e alle immagini, è vietata qualsiasi riproduzione su DVD per uso commerciale. Anna Lollo e la direzione del Santuario declinano ogni responsabilità.

© 2015 - Santuario San Calogero
San Salvatore di Fitalia (ME)
direzione@santuariosancalogero.org.
Telefono/Fax 0941 486014

Coordinate Bancarie
Codice IBAN IT47 K076 0116 5000 0005 2662 681
Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
CIN  K   -  ABI   07601     CAB   16500 
N° CONTO 000052662681

Verifica su noicattolici.it
vota questo sito su noicattolici.it
Totus Tuus
Powered by Genesit